Home  Cerca   Mailing List   Preferiti   Segnalazione Errori   Segnala ad un Amico   Contatti 
 
Selezione Area

 

 CSB
 Corsi di Studio
 Area Riservata


 
CSB
 CSB
 Chi siamo
 Presidente

 News

 CSB BLOGS

 Eventi
 Calendari
 Conferenze
 Lezioni
 Seminari
 Seminari ECM
 Seminari per Aziende
 Presentazioni

 Gallery
 Foto
 Video

 Catalogo

 Downloads
 Articoli
 Estratti Dispense

 Press
 Referenze
 Stampa
 Testimonianze Corsisti

 Links
 Collaborazioni
 Altri siti
   

Seminari : Conoscenza, Libertà e Amore

La Realizzazione del Divino nella nostra vita
Lettura e commento del capitolo XII della Bhagavad Gita

Croce di Lucignano (AR),
dal 28 Ottobre all'1 Novembre 2011
“I Girasoli” - Selve Di Sotto 89/C - Croce di Lucignano (Ar)
Relatore: Marco Ferrini, Fondatore e Presidente del Centro Studi Bhaktivedanta

Diario del Seminario ad Arezzo
 
Iniziamo la prima lezione di questo Seminario di Marco Ferrini (Matsyavatara das) dedicato al dodicesimo capitolo della Bhagavad-gita.
Siamo stati accolti da una tiepida giornata autunnale. Il clima sembra quasi primaverile, ma i colori dell'autunno, con le loro mille sfumature di ocra, rosso e marrone, ci ricordano la stagione in cui siamo ed esaltano la bellezza del luogo in cui ci troviamo. Siamo in una struttura funzionale e comoda circondata da un bosco, immersa nella natura.


Il Maestro inizia recitando le preghiere del mangalacaram, spiegandoci quanto esse siano importanti per predisporci adeguatamente allo studio che stiamo iniziando.
In ogni impresa la predisposizione gioca un ruolo fondamentale, ci dice. Le persone sono in un modo o in un altro a seconda di come si predispongono nei confronti di se stesse, degli altri, degli eventi, della vita.
E poi continua:
 
“Ci accingiamo allo studio di un capitolo, il dodicesimo, che rappresenta l'essenza della Bhagavad-gita. In questa alta lirica troviamo insegnamenti che la rendono davvero speciale, unica, un vero e proprio luogo della memoria. Qui il pensiero mette le ali e lascia trasparire, come in filigrana, quella certezza d'Amore che seppur intravista non si può più dimenticare. Resta ancora un'aria di ulteriorità e di mistero, ma è un mistero che non spaventa, bensì stimola l'animo e ci chiama a procedere. Perché? Perché abbiamo sentito e visto quanto basta per avere fiducia nella meta che perseguiamo. E la meta è l'Amore.
La Bhakti esprime questo Amore al più alto livello, e non è certo una via per sentimentali, come invece spesso viene concepita o descritta. Nel suo grande valore intrinseco per lo sviluppo e la realizzazione della persona, essa rappresenta l'ottenimento supremo che si possa conseguire nella vita umana. La Bhakti è ciò a cui il nostro cuore anela da tempo immemorabile, perché ciascuno di noi cerca l'appagamento, la completezza, quella soddisfazione in cui - nulla mancando - nulla si brama, perché la persona è già piena, purnam, soddisfatta in sé.
La Bhakti non si consegue a buon mercato, perché richiede disciplina e discernimento tra ciò che è e ciò che appare; necessita di uno sviluppo sostanziale del livello di coscienza, non tanto un dilagare orizzontale verso la curiositas ma un innalzarsi verso la realizzazione. Non è vero che è una via facile, ma è ancor meno vero che è una via difficile. Ricordo le parole del mio Maestro: è complicata per i complicati ed è semplice per i semplici, per coloro che la ricercano senza distrazioni”.
 
Tutti i giorni, al mattino presto, ci ritroviamo per fare meditazione, lezioni di Yoga e per partecipare al programma spirituale con i canti e l'adorazione rituale delle Divinità.
Spieghiamo alle persone che ancora non conoscono queste pratiche il loro valore per approfondire il rapporto con una dimensione, quella spirituale, che se esclusa dalla nostra vita, ci priva di un rapporto più profondo con noi stessi e della possibilità di trovare ciò che realmente può darci un benessere e una felicità duraturi, che non dipendono dagli eventi o da ciò che accade all'esterno di noi.
Le lezioni del Maestro durano dalle 10.30 alle 13 al mattino e dalle 17.30 alle 19.30 nel pomeriggio. La sala dove ci incontriamo è un ambiente raccolto,  confortevole, con una grande vetrata che fa da parete e che ci permette di osservare il paesaggio fuori. Quante volte in questi giorni guarderemo fuori e dentro di noi, cercando di trovare all'esterno le conferme di quel che sentiamo dentro.
Marco Ferrini ci spiega gli antefatti al dodicesimo capitolo della Bhagavad-gita, dunque ci racconta in sintesi il contesto in cui avviene il meraviglioso dialogo tra Krishna e Arjuna e quel che è successo nei capitoli precedenti, in modo particolare nel decimo ed undicesimo.
Mostrando ad Arjuna la sua forma universale, come è descritto nel capitolo undicesimo, Krishna sbaraglia tutti i parametri, le sicurezze e le convenzioni di Arjuna, e allora, potremmo chiederci, qual è l'utilità di tutto questo? Quell'esperienza era stata benefica e oltremodo utile perché quella  sicurezza era una sicurezza fasulla, quelle convinzioni erano frutto di una saggezza ordinaria convenzionale, che non può salvare dalla paura della malattia, della vecchiaia e della sofferenza, e infine non ci garantisce affatto nei confronti della morte. Quell'esperienza fa comprendere ad Arjuna che la morte ha proprio questo scopo nel progetto divino universale: sbaragliare tutto a chi non ha voluto vedere prima.
Il mondo così come percepito dai sensi è solo un riflesso di ciò che è reale. Come è chiara la differenza tra un oggetto e la sua ombra, altrettanto dovrebbe essere chiara la differenza tra il mondo apparente e il mondo reale. Solo se realizziamo la realtà dell'essere, oltre i baluginii del fenomenico, possiamo trovare reale sicurezza e certezza di felicità autentica. E' per questo che la ricerca spirituale, anche se accantonata di vita in vita, si ripresenta irrefrenabile e urgente ogni volta, perché siamo fatti per vivere nella realtà e non possiamo star bene nel caleidoscopico mondo dei sensi e delle apparenze.
Mentre ascolto, rapporto questi insegnamenti alla mia vita, a quello che ho scelto di fare, a come ho scelto di essere, e immagino che anche tanti altri che sono qui presenti stiano facendo la stessa cosa. Sul loro volto si legge la volontà di immergersi in un pensiero profondo, alla ricerca di ciò che davvero si desidera essere e di come davvero si desidera vivere.
Iniziamo la lettura del dodicesimo capitolo della Bhagavad-gita.
Arjuna comincia con il chiedere a Krishna chi è lo yogi più elevato. Colui che contempla l'assoluto, l'infinito, l'immortale, l'onnipotente nella sua forma impersonale, oppure chi contempla la forma personale del Divino?
Krishna definisce entrambi questi spiritualisti come dotati di siddhi o perfezioni, ma chiarisce anche che ci sono diversi gradi o livelli di perfezione.
Così come si comprende meglio il valore astratto dell'amicizia se si sviluppa un'amicizia con qualcuno e se ne fa dunque esperienza sul piano personale, così è più relativamente facile realizzare il Divino se Lo si contempla non in una forma indistinta ma nella sua natura personale. La Bhakti, che è lo Yoga dell'Amore, ci permette più facilmente di far entrare Dio nella nostra vita, di concentrare la mente e l'intelletto sulle sue qualità spirituali, di offrirgli quel che facciamo nella nostra quotidianità e soprattutto di offrirgli i nostri migliori sentimenti in uno scambio d'Amore che diventa per il Bhakta sicura, continua e crescente fonte di gioia.
Questo capitolo, ci spiega il Maestro, ci insegna come possiamo mantenere sempre Dio al centro della nostra coscienza e vivere in armonia con tutti. Ed è proprio questo il significato di Yoga: connettersi in Amore a Dio, al creato, alle creature.
Bhakti significa contemplazione, adorazione, dedizione. La dedizione permette di sviluppare la devozione, che è proprio l'essenza della Bhakti e che è insita in ogni animo. La si può risvegliare e coltivare attraverso la scienza che Krishna insegna ad Arjuna. E' la scienza dell'offerta, il cui apice  è l'offerta di sé a Dio.
Il più grande pericolo e ostacolo che si incontra nel praticare la scienza della Bhakti è l'ego, con tutte le sue distorsioni, da quelle più grezze a quelle più sofisticate ma non meno dannose: egoismo, egocentrismo, egotismo.
In questo capitolo Krishna stesso spiega che Lo si può adorare in tanti modi e Ferrini ci aiuta facendo degli esempi pratici: assistendo una persona sofferente, mostrando verso gli altri pietà, compassione, perdono, coltivando e praticando i valori universali. Questi valgono per tutti ma non solo: valgono anche per tutti i tempi, ma non solo! Valgono anche per tutti i luoghi!
L'Amore è il valore più universale di tutti. Ma attenzione: gli amori che hanno come protagonista l'ego sono le ali di Icaro; quando uno pensa di essere giunto in cielo, precipita. E invece l'Amore spirituale non fonde mai le sue ali, perché basta a se stesso e anche se sparisse il sole, la sua luce  rimane.
Sempre di più entriamo in contatto con l'anima di questo meraviglioso dodicesimo capitolo. L'ascolto delle spiegazioni del Maestro, che rendono a tutti facilmente accessibile l'apice dell'insegnamento della Gita, ci unisce in modo profondo, indescrivibile e sorprendente. Anche chi non ha mai partecipato ad uno di questi seminari, anche chi non abbiamo mai visto prima di ora, lo consideriamo già nostro compagno di viaggio e ci sentiamo solidali nel percorso che assieme stiamo facendo.
Durante i pranzi cominciamo a familiarizzare e gradualmente sentiamo che è importante svelare agli altri parti di noi, condividere. Il sentimento che domina è quello di una affettuosa e verace solidarietà.
Ogni giorno, durante le lezioni, abbiamo la possibilità di porre domande. La Bhagavad-gita entra nelle nostre problematiche esistenziali e quotidiane e dà soluzioni reali.
Comprendiamo sempre di più che violentiamo noi stessi quando decidiamo di seguire i capricci della mente, in nome di una libertà male intesa. La dipendenza dagli istinti, dalle proprie peggiori tendenze è invero la più grande schiavitù. Invece di seguire gli istinti, è bene cominciare a seguire gli autentici Maestri.
Quando scegliamo di aderire ad una disciplina spirituale, non perdiamo la nostra libertà ma la conquistiamo. Lo Yoga permette infatti il dominio della mente, affinché si possano fare scelte consapevoli e benefiche per tutti. Dunque la spiritualità non è affatto sganciata da ciò che succede a livello sociale, anzi: è il fattore che più di ogni altro può favorire una armoniosa, costruttiva e pacifica convivenza. La via della Bhakti non è la via dell'inazione, dell'inedia o della spiritualità astratta. No, è la via dell'azione! La Bhakti è opera nel mondo, ma gli obiettivi del Bhakta non sono mondani.
Le domande permettono di approfondire temi fondamentali come: l'energetica delle frequentazioni, gli attaccamenti e le distorsioni della mente, il rapporto con le disabilità, i vari livelli di competenza spirituale, il sé spirituale e l'inconscio.
I quattro giorni di Seminario passano in fretta, fin troppo velocemente, ma la ricchezza che portano ad ognuno di noi non si può misurare in termini di tempo né con altri parametri di questo mondo: è una ricchezza che nutre l'anima.
 

depliant


Informazioni e Prenotazioni

Segreteria CSB 
tel  0587 733730 
Cell.  320 3264838
secretary@c-s-b.org

 

 



Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine

   
 
 
Links Correlati
· Inoltre Seminari
· News by Staff


Articolo più letto relativo a Seminari:
I Sentieri dell'Amore

 
Opzioni
 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

   
Argomenti Correlati

Seminari
   

     
 
Riservatezza dei dati © COPYRIGHT Centro Studi Bhaktivedanta 2017 CF 90021780508